Entertainment, indoor, settore assoluto

Quattro weekend da tutto esaurito, ora gli Italiani

E’ già tempo di un primo bilancio della stagione che vede alle porte il classico trittico tricolore di Ancona. Gennaio ci ha visto protagonisti nell’impianto di Ancona e parzialmente a Formia con quasi 1000 atleti/gara; nei quattro fine settimana sono stati tanti i risultati degni di nota e numerosi i minimi conquistati dagli atleti con tante conferme e qualche bella sorpresa.

Per riassumere al meglio la situazione dividiamo per settore.

Velocità. Il miglior crono al maschile è di Fabio Paoletta con 6.94. L’allievo di Giorgio Frinolli, fermo da fine maggio ha superato i problemi al piede, ma è ancora lontano 4 centesimi dal minimo per gli Assoluti. Un altro lungodegente era Davide Girotti che all’esordio stagionale ha stampato 7.00. In grande crescita lo Leonardo Vitullo (7.04), mentre l’ostacolista Giacomo Salvatore ha dimostrato buone qualità anche nella velocità (7.05). Riccardo Giordano si è guadagnato il minimo col pb di 7.11. Tra gli Allievi il più veloce è stato Jacopo Capasso (7.16) su Federico Morseletto (7.17, Campione regionale). Matteo Bianchini sigla il personale nei 200 indoor (22.22). A pochi centesimi c’è il nuovo sprinter, proveniente dall’Atletica Vittorio Alfieri, Joseph Twumasi, che ha debuttato a Padova nel giro di pista con 22.25. Sempre tra gli Junior bel miglioramento per Leonardo Vitullo (22.66), mentre Omar Khalil con 22.92 rimane a 7 centesimi dal minimo. Tra gli Allievi standard conquistato da Gabrielangelo Brodone (23.21) e Riccardo Carella (23.10).

Tra le donne Caterina Ruggeri dopo quattro riscrive il personale con 7.78 nei 60, dietro di lei c’è Valeria Simonelli con 7.82 e poi le due Junior col minimo (7.90) Ginevra Ricci e Noemi Di Marco. Due Allieve sotto agli 8 secondi con Michela Panunzio, Campionessa regionale a Formia (7.97) e Chiara Fratocchi (7.98). Nei 200 il miglior crono porta la firma di Alessia Tirnetta, che migliora il pb del 2017 con 24.69. La Junior Ginevra Ricci in gran spolvero nell’unica uscita stagione con 25.09. Bene la neo rossoblu Francesca Farina (25.79, pb indoor) e la sorprendente Camilla Duri (2004) che in un weekend ha ottenuto il minimo sia nei 60 che nei 200. Valeria Simonelli ha sfiorato i 56 netti nei 400, 56.82 per Alessia Tirnetta e subito dopo le due Allieve Federica Pansini (57.57) e Francesca Farina (58.12).

Ostacoli. L’Allievo Lorenzo Lise è cresciuto in ogni occasione portando il personale a 8.39. Minimo anche per Federico Bonanni (8.51) e Leonardo Sottili (8.53).

Tra le Allieve sono in quattro sotto lo standard di partecipazione. Sara Meconi 9.12, Rebecca Ragni 9.22, Matilde Iemma 9.26 e Amelie Ongolo 9.26. Elisa Gani (2000) col pb (8.83) ha ottenuto il minimo per gli Assoluti, confortante il rientro alle gare di Teuta Cala con 9.31.

Salti. Matteo Di Carlo ha cominciato la stagione 2 metri all’esordio, si fermano a 3 centimetri dal minimo i due Allievi Giacomo Ciccomartino e Matteo Lami (Campione regionale), mentre Mattia Furlani, il Campione Italiano Cadetti è già salito a 1,95.

Nell’asta Leonardo Orlandi ha superato per la seconda volta l’asticella a 5 metri, la prima indoor. Il Campione Cadetti 2019 Federico Bonanni ieri è salito a 4,35 valicando agilmente l’asticella. Nonostante la scarsa preparazione dovuta al susseguirsi di tanti sfortunati eventi Tommaso Franceschini è riuscito ad ottenere il minimo con 4,15. Pb per Antonio Severoni. Nel lungo Luca Furlani piazza un bel 7,06 conquistando il lasciapassare per le Promesse, mentre Daniele Cavazzani, nel primo impegno stagionale a Modena, ha chiuso a 6,92 ma si è dovuto fermare a causa del riacutizzarsi del problema alla caviglia. Federico Fratili si è finalmente sbloccato e con 13,57 ha migliorato il pb fermo al 2018. Menzione particolare per Federico Morseletto. L’allievo di Giovanni Longo ha firmato una splendida doppietta nell’ultimo weekend di gennaio superando lo standard di partecipazione (Rieti2020) sia nel lungo che nel triplo. Prima volta sopra i 7 metri (7,15) e terza prestazione Alltime Under18 indoor nel triplo dietro a Dalla Valle e Howe.

In campo femminile la Junior Caterina Campagna sigla il pb in sala con 1,63. Due sorrisi dall’asta con la Promessa Martina Turco che torna in pedana due anni e mezzo dopo la sua ultima gara e con 3,50 dimostra di aver lasciato alle spalle i tanti problemi fisici. Sofia Angelucci ottiene il minimo per i tricolori Under18 (3,00). Debutto in rossoblu anche per la Junior Emily Chiusolo che rompe il ghiaccio con 3,50. Nel triplo minimo U18 per Matilda Cinti con 11,26.

Mezzofondo. Negli 800 Matteo Frattucci ottiene il pass per gli Assoluti con 1.53.19. Buono l’esordio dello Junior Massimo Flamigni (1.56.64). 2.01.52 per l’Allievo Alessandro Di Loreto già in possesso del minimo grazie al crono 2019. Marco Ranucci conferma la sua crescita anche in sala e fa registrare due crono da vertici nazionali Under20 sia nei 3000 (8.37.44) che nei 1500 (3.58.20).

Livia Caldarini ha doppiato nell’unico impegno in sala del mese. Due gare in solitaria con altrettanti eccellenti riscontri cronometrici, 2.12.20 e 4.35.11. L’Allieva Federica Pansini va forte anche negli 800 con 2.14.08, mentre Martina D’Angeli, con una pausa dai cross, sigla il pb nei 3000 (10.27.02).

Un Capitolo a parte sarà dedicato ai lanci, domani

Share